I ragazzi della Scuola secondaria di Vespolate presentano presso la sala Zabarini le loro ricerche e le loro proposte affrontando sul delicato tema dell’equilibrio uomo-ambiente, della mobilità sostenibile e dello sviluppo di energie rinnovabili.

Giovedì pomeriggio a Vespolate, presso la sala Zabarini, i ragazzi della Scuola secondaria hanno presentato ai rappresentanti del Comune, ai genitori ed ai compagni i loro lavori sul rapporto uomo-ambiente.

Il pubblico presente alla conferenza è stato subito messo alla prova da alcuni alunni delle classi prime, i quali hanno chiesto di rispondere ad un questionario sul riciclaggio dei rifiuti domestici.

Successivamente la parola è passata ai ragazzi di terza che, partendo da domande riguardanti la finitezza delle risorse naturali e l’uso di fonti energia non rinnovabili, hanno cercato di descrivere il futuro che li attende, e che ci attende, perché l’uomo consuma e spesso spreca le ricchezze della Terra. I loro lavori hanno quindi preso in esame il problema dell’inquinamento atmosferico con le sue dirette conseguenze: il surriscaldamento terrestre provocato dall’effetto serra con lo scioglimento delle calotte polari e l’innalzamento della temperatura delle acque, la distruzione di biomi e microclimi, il diffondersi di patologie respiratorie.

Individuate le cause, i giovani esperti hanno poi presentato con video e cartelloni le energie rinnovabili (solare, biomasse, eolica, ecc.) e le soluzioni tecniche sperimentali che, in questi anni, sono state sviluppate nei centri di ricerca universitari (“Stella” l’autovettura a energia solare) oppure messe in opera in alcune città (la “Torre solare” di Siviglia per la produzione di energia elettrica).

La speranza dei nostri giovani studiosi è quella di aver contribuito a smuovere le coscienze individuali perché già il singolo può iniziare una rivoluzione green!

La conferenza di giovedì è stato curata e, fortemente, voluta dalla professoressa Lorella Belletti che con il suo entusiasmo è riuscita a coinvolgere i colleghi del plesso scolastico. La docente ha valorizzato pubblicamente il lavoro di studio e di ricerca, la creatività e le abilità informatiche ed artistiche degli alunni.

Prof.ssa Cristina Avogadro

si_20170427_171304  20170427_174307