Articoli

Una proposta didattica con l’uso delle nuove metodologie sullo studio della materia e gli elementi ARIA, ACQUA, FUOCO svolta nelle classi 4A e 4B della primaria di Cerano.

La classe 3ªC del Plesso “Don Saino” di Cerano, nel mese di Marzo, ha aderito al progetto “Un orto a scuola” promosso dal Corriere di Novara; tale progetto ha dato inizio ad una attività outdoor che si è protratta per mesi, fino alla fine dell’anno scolastico.

La classe si è cimentata in una fantastica esperienza formativa che ha visto coinvolte le varie discipline scolastiche. Le attività si sono svolte prevalentemente all’aperto e hanno dato spunto per “rilanciare in classe” interessanti attività con una valenza didattica significativa.

I bambini hanno avuto un ruolo attivo mettendosi alla prova e dimostrando coinvolgimento, interesse e grande spirito di collaborazione. Il contatto continuo con la natura ha stimolato in loro la voglia di sperimentare e di imparare.

Ecco una presentazione che racconta alcuni momenti vissuti dai bambini.

Monica Vella e Marisa Muletti

La bacchetta magica è uno strumento attraverso il quale un mago incanala i suoi poteri al fine di eseguire magie. E’ la bacchetta che sceglie il mago, non viceversa.

Ma questo, tutti noi lo abbiamo imparato sin da piccoli.

Questa mattina invece, abbiamo scoperto che con una bacchetta e i consigli di un bravo e paziente professionista, possiamo disegnare la facciata di un edificio storico.
Ci troviamo a Casa Langhi, detta il Castello di Cerano, luogo che racchiude storia e bellezza. L’architetto Ruggero Barenghi, apre le porte della fantasia per accompagnarci nel mondo dell’architettura.

Noi che arriviamo attrezzati di righe, squadre e compasso per disegnare la facciata di Casa Langhi, scopriamo che bastano una bacchetta di legno, un foglio, una matita e due occhi curiosi. Sì, perché l’essenziale è sempre invisibile agli occhi.


Siamo nel giardino seduti sull’erba, ortensie bianche ovunque guardiamo. Le linee prendono forma, il quadrato ci svela la sua magia ed ecco che il foglio si riempie.
Torniamo verso la scuola con un pensiero che ci accompagna.

Forse da oggi, guarderemo con nuovi occhi.

Laura Sturaro e Maria Rita Vella

Domenica 8 Maggio presso la sede del comitato della Croce Rossa di Trecate si è svolto l’Open Day che fa parte del progetto “M’illumino di meno”, al quale la nostra scuola primaria “Don Saino” ha aderito.

Durante la giornata sono stati esposti i vasetti decorati dagli alunni della scuola primaria di Cerano e trapiantati nell’aiuola della sede. I bambini e i loro genitori hanno potuto, inoltre, visitare la sede e le ambulanze e partecipare ad alcuni giochi insieme ai volontari del gruppo giovani di Croce Rossa. 

Isabella Fedele

Il giorno 7 Aprile, la classe 3C della Scuola Primaria Don Sano di Cerano, ha vissuto una bella esperienza outdoor che aveva come finalità la “collaborazione positiva all’interno di un gruppo”.

Continua a leggere

GLI ALUNNI DELLE CLASSI TERZE DELLE SCUOLE SECONDARIE ATTIVI NEL RICORDO E NELLA MEMORIA AL FIANCO DI LIBERA

In occasione della XXVII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, celebrata in tutta Italia il 21 marzo, gli alunni delle classi terze delle due scuole secondarie del nostro istituto hanno vissuto un particolare momento di riflessione.
Si sono ritrovati alle 11:00 nel giardino della scuola ed hanno letto e condiviso le storie di alcune vittime di mafia, tra quelle viste e conosciute durante le attività del progetto “Legalità”.
Successivamente dalle classi si sono collegati con la RAI per assistere alla diretta dell’evento nazionale di Libera, che si è tenuto a Napoli, ed hanno potuto ascoltare le parole del presidente fondatore dell’associazione, don Luigi Ciotti
E’ stata una bella occasione per confermare la vicinanza a Libera da parte del nostro istituto comprensivo e per approfondire ancora una volta i valori della giustizia e della legalità.

Prof.ssa Antonella Penna

Il giorno 9 marzo, alle ore 18, le insegnanti della classe 3C hanno avuto un incontro con i propri genitori per illustrare loro la valenza didattica delle “attività sperimentali outdoor”  attuate nel primo quadrimestre.

All’incontro erano presenti anche la dottoressa Elisa Loprete (facilitatrice) e la referente del progetto Silvia Canelli.
Durante l’incontro l’esperta ha spiegato in modo approfondito le motivazioni pedagogiche della didattica outdoor; la facilitatrice ha illustrato la grande importanza del poter essere nella “rete delle scuole all’aperto”.
Le insegnanti Monica e Marisa si sono poi rivolte ai propri genitori, intervenuti numerosi, cercando di raccontare la propria passione nell’attuare da ormai un anno e mezzo questo tipo di didattica innovativa e sottolineare i risvolti positivi rilevati nella classe in termini di inclusione, didattica, sviluppo psico-fisico ed autoregolamentazione.

Le insegnanti hanno rammentato come le attività siano sempre con finalità precise con al centro “l’unicità del bambino”. Per meglio spiegare il proprio modo di lavorare hanno quindi fatto una breve presentazione che non vuole essere il riassunto delle proprie ormai innumerevoli attività, ma il modo per sottolinearne le modalità.
I nostri alunni, protagonisti assoluti nonché registi della nostra “didattica outdoor”, hanno deciso di mettere sul sito questo brevissimo lavoro che li vede partecipi ed impegnati positivamente e con entusiasmo.
Li abbiamo ascoltati e vi raccontiamo perciò brevemente “LE NOSTRE ESPERIENZE OUTDOOR”
Buona visione!

Le insegnanti Marisa Muletti e Monica Vella

La classe 1C della scuola primaria “Don Saino” di Cerano, che partecipa in forma sperimentale al progetto di OUTDOOR EDUCATION, ci racconta una lezione all’aperto.

Il 3 febbraio abbiamo deciso di fare una passeggiata per le vie del paese.

Prima tappa la piazza. Abbiamo osservato gli spazi aperti e chiusi intorno a noi. Abbiamo letto la parola Municipio, dove lavora il Sindaco.

Dopo aver aspettato il semaforo verde, siamo arrivati alla seconda tappa: la biblioteca.

I bambini hanno provato a leggere le parole “Biblioteca civica”.

Abbiamo poi visto le linee rette del viale alberato.

Dopo essere passati davanti alla Scuola Secondaria, dove abbiamo visto i diversi bidoni della raccolta differenziata, siamo arrivati alla terza e ultima tappa: il prato vicino al cimitero.

Subito si è visto il grande spazio aperto.

I bambini incuriositi hanno cominciato a guardare gli alberi, le foglie, le ghiande. Da questa loro curiosità abbiamo visto le differenze tra gli alberi, alcuni spogli, altri pieni di foglie, i quali, come detto da qualche alunno, si chiamano sempreverdi.

Dopo aver raccolto ciò che più hanno preferito, abbiamo classificato i vari Tesori condivisi e creato il nostro “Angolo della natura”.

Le insegnanti
Simona Carlini e Martina Mento

Il nostro I.C. ha aderito al progetto del Ministero dell’Istruzione attivando percorsi laboratoriali per incrementare le competenze di base degli alunni delle scuole primarie e secondarie, per recuperare la socialità almeno in parte perduta e accompagnarli al nuovo anno scolastico.

Per la primaria le attività programmate sono state svolte durante il mese di giugno, dal 14 al 25 in orario antimeridiano. Ogni classe o interclasse si è organizzata in base alle proprie esigenze, alternando le attività con laboratori di recupero/potenziamento, di informatica, giochi didattici e uscite guidate per approfondire la conoscenza del territorio. L’adesione è stata numerosa, gli alunni iscritti al Piano Scuola Estate del nostro Istituto che aveva per titolo “Impariamo divertendoci” sono stati circa i 2/3 del totale.

Qui di seguito sono documentate alcune delle attività intraprese dalle classi della Scuola Primaria di Cerano.

CLASSI TERZE

I bambini di terza si sono recati presso la Cascina Artusi per conoscere da vicino il lavoro agricolo, le varietà di risi, comprendere le fasi di coltivazione del riso e del granturco, vedere da vicino i macchinari utilizzati e gli animali della fattoria come mucche e cavalli.

Un’altra attività molto interessante svolta dalle classi terze è stata il Laboratorio di Scrittura Creativa che siè tenuto all’aperto in luoghi del “cuore” di Cerano, come la Chiesa di S. Rocco, nel Cantone Mulino, e la Chiesa di S. Pietro vicino al Cimitero: i nostri piccoli scrittori in erba, (nel vero senso della parola, infatti erano seduti in mezzo al verde dei prati!) si sono lasciati ispirare da questi monumenti ricchi di storia e di bellezze artistiche, per scrivere delle fantastiche “fiabe capovolte”!

CLASSI QUARTE

Tra i progetti pensati per il Piano Scuola Estate degli alunni delle classi quarte c’era la conoscenza da vicino del proprio territorio, in particolare degli edifici storici e significativi del paese. Facendo quattro passi per Cerano hanno scoperto addirittura l’esistenza di un ex-convento francescano, vicino alla Chiesa di S. Martino. I frati vennero a Cerano dal 1483 fino all’inizio dell’800 per onorare il culto del Beato Pacifico, il patrono del paese. In seguito nel 1882 ritornarono, ricostruendo il convento in cui studiò San Giuseppe Gambaro, sacerdote di Galliate. I bambini hanno avuto la fortuna di poterlo visitare, grazie alla disponibilità e alla gentilezza dei proprietari che ora lo abitano e che si occupano del giardino e dell’orto che ai tempi i frati coltivavano per ricavarne cibo e sostentamento.

Un’altra attività degli alunni di quarta è stata la visita alla Biblioteca Comunale, intitolata a Don Angelo Stoppa ed anch’esso edificio storico, poiché era l’abitazione del custode e la sede degli uffici dell’ex Cotonificio Valle Ticino durante i primi del ‘900. In biblioteca i bambini sono stati accolti da Paola Pilosu, da anni la nostra bibliotecaria, che ha proposto ai giovani lettori una carrellata di letture interessanti per l’estate.

Si è concluso positivamente presso la Scuola primaria di Garbagna il progetto estate“ Impariamo divertendoci” promosso dall’ Istituto Ramati di Cerano.

I laboratori proposti sono stati vari e diversificati. I bambini hanno svolto le attività divisi in piccoli gruppi per agevolare e rinforzare le relazioni tra pari, venute meno in questi ultimi anni a causa della pandemia. Alla fine di ogni laboratorio sono stati realizzati cartelloni, disegni, testi rendendo visibile quanto appreso. Le merende di metà mattina si sono svolte fuori in cortile usufruendo dei tavoli e delle panche offerti gratuitamente dalla Proloco di Garbagna. Dopo la merenda i bambini partecipavano ai giochi di squadra organizzati dalle loro insegnanti.

Le attività di recupero e potenziamento di italiano, matematica e inglese sono state coinvolgenti grazie ad esercizi interattivi svolti a rotazione da tutti i bambini alla Lim e a gare matematiche di gruppo. Venerdì 18 giugno i bambini hanno visitato la Tenuta Brusattina di Garbagna. I proprietari della cascina, il signor Mario e la signora Antonietta hanno accolto affettuosamente gli alunni con una merenda golosa. Durante la visita guidata, i bambini hanno avuto l’opportunità di vedere gli animali presenti in cascina come mucche, galline, cani e gatti.

Il progetto estivo si è concluso con una festa in cortile con la partecipazione attiva di tutti i bambini.

Le insegnanti