Articoli

Nella giornata di lunedì 7 giugno si è concluso il progetto di educazione civica “Cittadinanza evviva: io piccolo cittadino” con la proclamazione del baby sindaco.

La scuola primaria di Garbagna ha aderito al progetto dell’istituto Ramati, le cui responsabili Mariacristina Cascio e Larghi Claudia, attraverso le lezioni di educazione civica, hanno sensibilizzato i bambini ai temi dell’amministrazione comunale. Hanno partecipato le classi quarta e quinta della scuola primaria di Garbagna.

Il progetto si è svolto durante il secondo quadrimestre e le docenti attraverso percorsi multidisciplinari hanno affrontato tematiche relative alla realtà degli Enti Comunali con lezione teoriche e pratiche. Grazie all’intervento del Sindaco i bambini hanno avuto la possibilità di formulare varie domande per avere un quadro generale sulla tematica inerente al progetto.
Il progetto la cui finalità è stata quella di eleggere un “baby sindaco” che per il prossimo anno scolastico dovrà collaborare con l’amministrazione comunale di Garbagna, esponendo le richieste dei bambini e potendo offrire ulteriori suggerimenti per migliorare la scuola e il paese.

Nelle settimane precedenti sono state formate due liste: “Viviamo Garbagna” e “Viva Garbagna” le cui candidate sindaco erano Virginia Lombardi della classe quarta e Marta Targa di quinta.
Ogni lista ha redatto il proprio programma elettorale che è stato presentato, insieme a tutti i candidati, alle cinque classi della scuola che hanno successivamente espresso le loro preferenze. Nella giornata di lunedì 31 maggio si sono svolte le votazioni e gli alunni di tutte le classi all’interno del seggio allestito, hanno espresso il loro voto di preferenza. Il presidente di seggio e gli scrutatori hanno fatto poi il conteggio dei voti.

La lista “Viviamo Garbagna” ha ottenuto 36 voti, mentre “Viva Garbagna” ha ottenuto 16 voti. L’espressione di voti di tutti gli alunni della scuola ha portato all’elezione a sindaca di Virginia Lombardi che sarà coadiuvata da Clelia Garda che ricoprirà il ruolo di vicesindaco e Matteo Schiorlin che ricoprirà il ruolo di assessore. I due alunni hanno ottenuto il maggior numero di preferenze.

Nella giornata di lunedì, presso la Sala Consigliare del comune, il sindaco di Garbagna Fabiano Trevisan ha incontrato il “baby sindaco” Virginia Lombardi e i suoi collaboratori, apponendole la fascia tricolore ed esprimendo tutto il suo orgoglio e la sua gratitudine verso gli insegnanti per un progetto che ritiene centrale nel percorso di avvicinamento degli alunni all’educazione civica e alle tematiche sociali.

Prima grande sfida del nuovo Baby Sindaco sarà quella di dare finalmente un nome alla Scuola Primaria della Bassa Novarese.

Le insegnanti.

RIFLESSIONI SULLA DISABILITA’ NELL’AMBITO DEL PROGETTO “TESTIMONI DEI DIRITTI”

Sono quasi giunti al termine i lavori per il concorso del Senato “Testimoni dei diritti” e due alunne della 3^A, Agnese Cavion ed Irene Riva hanno provato a riflettere sui diritti umani e sulla disabilità, prendendo spunto dalla storia del loro amico Ian Marinelli, di 2^A.
Ian è affetto dalla nascita da tetraparesi spastica ed ha appena subito un importante intervento di rizotomia dorsale presso l’ospedale Gaslini di Genova. L’intervento, unito ad un progetto serio di fisioterapia e riabilitazione specialistica, potranno aiutare Ian a migliorare la qualità della sua vita. Per fare ciò occorrono due cose: tanta grinta e attrezzature adeguate. Per quanto riguarda la grinta, possiamo dire che a casa Marinelli ce n’è in abbondanza; per le attrezzature invece è stata aperta una raccolta fondi collegata ad una pagina Facebook ed Instagram chiamata “Il sogno di Ian”, tramite la quale viene raccontata la sua storia e ne vengono documentati i progressi.
Ringraziamo Agnese ed Irene che, tramite il loro bel contributo, hanno pubblicizzato ulteriormente la storia del nostro super amico Ian.

Le prof.sse Belletti, Giarda e Penna

Anche nel periodo di sospensione delle attività didattiche, grazie al collegamento alla piattaforma Classroom e al blog “Senato Ragazzi”, i ragazzi delle classi seconde della Scuola Secondaria di Vespolate continuano a lavorare alle attività relative al concorso “Testimoni dei diritti”, indetto dal Senato della Repubblica.

In questa seconda fase gli alunni sono stati invitati a riflettere sul concetto di FRATELLANZA, in relazione all’analisi dell’articolo 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
I ragazzi hanno proposto varie riflessioni, nella modalità preferita e a loro più congeniale: hanno prodotto testi scritti, disegni, cartelloni, acronimi, power point e video. Ve ne presentiamo solo alcuni, soddisfatte del bel contributo che essi hanno saputo offrire a questa attività: un forte e sincero messaggio di speranza, soprattutto in un periodo in cui, privati della socialità, l’esigenza di fratellanza si fa per tutti più forte.

Lorella Belletti, Chiara Giarda e Antonella Penna